Powered by Antonio Pantano

Latest

“Animus” EP – official release date 29/09/2012

Purchase on Amazon  iTunes  Deezer

 

Hello everyone!

Finally a new release is coming up and, is gonna be different from the the first one “Nebula Riders”, definitely!

First of all i have to say something about the project “stream of unconsciousness”:

Few months ago i imagined a name for the full length album and, because of some ideas i thought that “Stream of unconsciousness” was suitable as title.

In the beginning some new tracks such as “Animus” and “The Dreamer” inspiring me for a concept about a journey into the most arcane thoughts of the human mind, i thought it was a great concept and i was keep workin’ on it day and night.

but some day, suddenly a new inspiration starts over in my brain and it’s strange i know, it was something completely different!

So, i decided to quit “stream of Unconsciousness” project and starting suddenly a new one named “ARCANDIA” and the reason is that I’m completely inspired and “addicted” to George Martin’s books, “GAME OF THRONES”!

in my opinion, these books are something really outstanding and, when i started to read it i discovered that it inspired so much that it has changed the way of composing new music to me and, from that day my creations were more cinematic and “movie soundtrack” oriented with LOTS of orchestral stuffs and “hits”, “booms”, emotional atmospheres with cellos and flutes!……. by the way it’s difficult for me to describe everything so, i will talk later about this new amazing music experience!

However, It’s a pity to put in the “oblivion” the other tracks i made this last year,so because they have nothing to do with my new project i decided to make another single (this time is and EP) for them because i think in the end, they deserve it!

and so, here it is “ANIMUS”!

Soon i will give you more detailed news about the most ambitious project I’ve ever made, ARCANDIA! so check back soon!!

REVIEWs:

WEB Magazines:

“JAMSPHERE.COM – ANIMUS, a journey into the human mind”

“SOUNDIAC.COM – med hård instrumental rock”

ANIMUS cover voted HERE on the top 25 artwork with NUMBER 1 POSITION!

Recensione a cura di Antonio Pantano: (soon in english)

il singolo “Animus” parte da un progetto iniziato un annetto fa e che si doveva chiamare “stream of UNconsciousness” e doveva essere un concept album sui contenuti arcani della mente umana..i pezzi strumentali “animus” e “the dreamer” mi stavano indirizzando su questa direzione ma successivamente una nuova idea ancora piu’ interessante e’ spuntata nella mia mente e sulla quale ci sto lavorando giorno e notte.

Essendo particolarmente influenzato dal libro “Game of Thrones” di George Martin ho notato che e’ cambiato completamente (e in meglio) il mio modo di comporre, facendo cosi (successivamente a “animus e dreamer”) pezzi molto piu’ complessi negl’arrangiamenti dal sound molto piu’ cinematografico e sinfonico… cosi ho accantonato del tutto il progetto “stream of unconsciousness” per iniziarne uno nuovo intitolato “ARCANDIA” e vedra’ luce nel 2014..

Mi sembrava un peccato buttare nel dimenticatoio le canzoni gia fatte per il progetto precedente cosi ho deciso per questa release, che secondo me sara’ molto piu’ interessante del singolo di febbraio anche perche’ si nota una certa maturazione in fase compositiva e una cura maggiore nei dettagli sopratutto nella fase di mastering con la risultante di un sound piu’ moderno.

la tracklist:

Animus: Strumentale, mid tempo con molte variazioni.. rispetto al singolo precedente “Nebula Riders” si nota una maggiore ricerca di non linearita’ .. un difetto che secondo me era fin molto evindente nella canzone in questione, la ritmica e’ molto compatta, il refrain e’ catchy e dovrebbe essere molto difficile da dimenticare. Finalmente le chitarre suonano come ho sempre sognato e ascoltando il tutto si nota una certa omogeanita’ fra gli strumenti, con le chitarre che non hanno piu’ quel sound “Ronzio” delle vecchie produzioni e, insieme a un lavoro abbastanza articolato della sezione ritmica trascinano come un treno.

The Dreamer: (Sotto video ufficiale) Strumentale, pezzo molto d’atmosfera.. ascoltandolo si ha come l’impressione di essere in una dimensione parallela, in una fase REM di un sogno dove vorresti controllare le tue emozioni e decidere come viverle.

Parte con una chitarra soltanto e chiude in continuo crescendo con un assolo rock/blues. Ho apprezzato molto il lavoro fatto con le chitarre pulite, qui c’e’ un omaggio d’insieme “melodia – ritmica” al mitico Jeff Buckley, in piu’ ho sempre adorato i suoni new wave e psichedelici di un certo “the edge” degli U2 e qui c’e’ un omaggio anche al mitico chitarrista, fatta tutta questa prefazione non si puo non notare il fatto che ci troviamo davanti al pezzo piu’ “maturo” della produzione.

Le tastiere qui sono del tutto assenti (tranne che nel primo refrain)

Animus (Reprise):  Ho sempre avuto in mente una versione “alternativa” di Animus e questo perchè quando venne fuori la prima versione un anno fa aveva una struttura che aveva tantissimi spunti diversi e notavo che in qualunque modo la suonavo risultava comunque interessante, cosi adesso a distanza di un anno da allora e con le mani una chitarra nuova decisamente piu’ valida ho ripreso le parti di “Animus” che avevo improvvisato allora tirando fuori questa versione che a mio parere e’ bella quanto l’originale.

Il pezzo si muove sulle melodie esatte della prima versione ma rispetto alla precedente va a “ritroso” nei suoi contenuti partendo subito diretta come un pugno in faccia per poi chiudersi dolcemente.. la linea melodica e’ identica all’originale, un autoplagio voluto di se stessa ma con delle variazioni e degl’ inserimenti innovativi che non mancheranno di stupire e, se la prima versione era un mid – tempo molto cadenzato qui di rallentare non se ne parla, affatto! Il sound d’insieme è quindi molto piu’ power e dinamico e fara’ di di certo venire la voglia di alzare il volume sul vostro iPod, Garantito!

Fightin’ for your Rights (bonus track): Gia quando si legge bonus track si capisce che ci troviamo alla fine di fronte al classico “filler”, quel brano che se c’e’ incuriosisce ma se manca alla fine non se ne fa un dramma.

Il pezzo in questione risale al lontano 2006, registrato quindi con le attrezzature di allora molto meno “performanti” e ho deciso di inserirlo nell’EP perche’ e’ l’unico pezzo cantato, perche le lyrics sono a tema e perche’ la linea melodica, anche se a tratti troppo scontata e’ carina. La sezione ritmica e’ anche fin troppo lineare ma comunque molto trascinante.    I Riferimenti musicali di questa canzone sono molteplici, dal punk dei “SUM41” al classic metal “Iron Maiden” oriented, per quanto riguarda il cantato nella strofa è a tratti sporco e filtrato stile “Megadeth” mentre il ritornello apre con le due voci che si incrociano nelle piu’ classiche tonalità Heavy Metal. Questo pezzo per me è stato uno starting point compositivo che rappresenta quella che era la mia ispirazione dell’epoca con le mie capacità e i mezzi di allora, da quel momento in poi le mie conoscenze si sono sempre di più evolute e l’album “ARCANDIA” sarà la prova tangibile di tutto questo.

L’EP “Animus” è il ponte artistico che collega il mio passato al mio futuro quindi nell’attesa del full length BUON ASCOLTO!!!

 

09 February 2012: NEBULA RIDERS (cd single) finally available!

My new Single “NEBULA RIDERS” is FINALLY AVAILABLE!

please support me and buy it on AMAZON or iTUNES

WEB MAGAZINE REVIEWs:

www.jamsphere.com nebula riders SINGLE REVIEW TRACK BY TRACK HERE!!!!

www.emozionidistorte.com recensione nebula riders

“italiadimetallo” metal webzine review

ALBUM PREVIEW ON THE PLAYER ABOVE

OFFICIAL TRAILER:

OFFICIAL VIDEO!!!!: